“L’annusatrice di Libri” di Desy Icardi

5 Gen 2021 | Narrativa

Abbiamo dedicato questo post alla recensione di “L’annusatrice di Libri” un Romanzo delizioso scritto da Desy Icardi ed edito da Fazi Editore, un’opera che ha avuto grande successo, pubblicata nel 2019 e già tradotta in quattro lingue.

La trama

Il romanzo racconta le avventure di Adelina, una ragazza di campagna semplice, apparentemente senza grandi talenti, che si trasferisce in città, a Torino, per studiare in una scuola per signorine. Adelina vive ospite della zia, Amalia, una vedova arricchita e attaccata al denaro, poco sensibile, incattivita dalle difficoltà e ristrettezze della gioventù.

«Anche se abitava da pochi mesi a casa sua, Adelina aveva ormai compreso l’antifona: zia Amalia riteneva salubri tutte le cose a buon mercato, mentre giudicava nocive quelle che costassero più di quanto lei ritenesse opportuno»

Anche la sua vita scolastica non le dà gioie o soddisfazioni particolari: da quando è arrivata a Torino, Adelina trova difficile leggere anche i testi più semplici. E questa sua difficoltà ha presto delle conseguenze spiacevoli. Il racconto inizia proprio così:

«Tutte le brave scolare si somigliano, ogni scolara è somara a modo suo»

Il reverendo Kelley, professore della ragazza e esperto di testi antichi, la interroga di fronte alla classe, non risparmiandole le risatine del resto delle allieve. È in questo preciso istante che nasce quel legame fra la povera Adelina e Luisella Vergnano, che dà inizio alla storia. Luisella è la più brava della classe, è la figlia di un notaio, ed impietosita dalla situazione di Adelina si propone di aiutarla nello studio. Nasce così la loro amicizia, e poco dopo si manifesta il dono nascosto di Adelina: a casa di Luisella, Adelina scopre di essere “un’annusatrice di libri”. Adelina non riesce a leggere, almeno non in modo tradizionale, la sequenza delle lettere, ma i libri emanano, per lei sola, delle essenze che riesce ad interpretare. Adelina legge i libri con l’olfatto.

«Possibile che quell’odore provenisse da un libro? Prese a ricercarne l’origine e, una volta individuata, estrasse il libro dal quale sembrava emanare il sentore, lo aprì e tuffò il naso tra le pagine; al fresco odore di fiume si aggiunse un effluvio tiepido, più tenue ma altrettanto liquido: lacrime!»

A partire da questa scoperta la vita di Adelina cambia: il profumo dei libri le narra ogni storia con chiarezza, e annusare i libri diventa per lei un’esperienza irrinunciabile, un conforto, un piacere che la rapisce.

Adelina, però, vuole mantenere nascosto il suo dono: teme che gli altri lo fraintendano, ha paura di essere derisa o criticata. Eppure il suo segreto viene scoperto da una persona, l’odiato professore Kelley.  Il professore che da esperto di libri antichi conosce la storia di Santa Bibliana, sa che esistono gli annusatori di libri, conosce le loro capacità e pensa di poter usare la ragazza. È  impegnato nell’opera difficilissima di decifrare un codice, il manoscritto Voynich. Sembra un’impresa impossibile all’apparenza, ma Adelina potrebbe riuscire. E questa nuova speranza spinge Kelley e il padre di Luisella, il notaio Vergnano, coinvolto nel progetto, a spiare Adelina e studiarne le capacità.

Adelina potrebbe avere successo, svolgere il compito di decifrare il manoscritto per loro, ma c’è solo un problema: annusare i libri la indebolisce molto, forse addirittura troppo. Allora cosa è opportuno fare? Il reverendo Kelley è quasi sul punto di rinunciare, ma il padre di Luisella ha interessi economici troppo grandi…

La Recensione

L’annusatrice di Libri è un libro che definirei “completo”. Innanzi tutto è un libro sui libri. Un libro che fa vivere la lettura come un’esperienza che appaga ogni senso, perfino l’olfatto. È un libro in cui le protagoniste sono donne, non eroine senza macchia, ma figure reali con debolezze, dolori e difetti. È un racconto in cui c’è la storia di un’amicizia, la scoperta di un dono, e perfino una componente che crea un effetto suspense. I personaggi sono delineati in modo impeccabile. Ed il fatto che ci siano più storie nella storia, fa cambiare spesso direzione al racconto rendendo la narrazione sempre vivace.

Insomma consigliatissimo!! E sono felice che sia stato il mio primo libro letto del 2021: profuma di originalità e freschezza…

Perché leggere questo libro?

Perché se amate i libri, vi sentirete compresi e rapiti dalla giovane protagonista, che vive in modo genuino, quasi fisico i libri, travolta dal loro profumo irresistibile.

Cit. «Adelina promise e si diresse verso casa, domandandosi se una vita senza libri avesse veramente motivo di essere vissuta.»

Post by Sara P.


Autore: Desy Icardi
Genere: Narrativa
Copertina flessibile: 407 pagine
Editore: Fazi Editore
Lettore: per coloro che amano l’odore dei libri

CREATRICE E AUTRICE

Sara Petrolini

sara
Mi chiamo Sara Petrolini. Sono un’archeologa laureata all’Università La Sapienza di Roma e un'autrice esperta di content management. Scrivo testi per diversi blog, di storia e archeologia per “Mondo Romano” e di libri e letture per “Latte e Biscotti”. Ho scritto brevi racconti ed ho pubblicato due romanzi: “L’uomo nella foto” ( Dialoghi 2020) e “La verità è figlia del tempo"( Porto Seguro Editore 2021)

I MIEI LIBRI

L'uomo nella foto

La verità è figlia del tempo

Vuoi una recensione da Latte&Biscotti?

Se sei un autore o una casa editrice, qui puoi trovare tutte le informazioni per richiedere una recensione della tua opera

Facebook Pagelike Widget