“Nord e Sud” di Elizabeth Gaskell

14 Feb 2021 | Classici

“Nord e Sud” di Elizabeth Gaskell

Oggi dedichiamo un post alla recensione di “Nord e Sud” di Elizabeth Gaskell. Il romanzo uscito prima a puntate, fu pubblicato nel 1855 in tre volumi. L’ho letto nell’Edizione Jo March.

La trama

Nord e Sud, è la storia della giovane Margaret Hale. Margaret è la figlia di un parroco di campagna, che ha trascorso parte della sua giovinezza lontana dalla casa paterna, ospite, a Londra, della zia e della cugina Edith. La narrazione inizia proprio con i preparativi del matrimonio di Edith, un evento che costringe Margaret, a tornare nel Sud, ad Helstone. Margaret si trasferisce nella canonica di campagna. Ma questo è solo uno di tanti cambiamenti che la aspettano. Il padre, il reverendo Hale, un pastore anglicano, sta vivendo una sorta di crisi spirituale, che lo spinge a rinunciare alla sua posizione. Decide di abbandonare la canonica di Helston e stabilirsi nel nord con Margaret, sua moglie che non gode di buona salute e la domestica Dixon. Come nuova residenza sceglie Milton, una cittadina industriale del nord Inghilterra, dove pensa di trovare un impiego come insegnante.

L’impatto con la nuova realtà è sconvolgente: l’intensa attività delle fabbriche rende Milton un luogo quasi surreale agli occhi di Margaret.

“Così questo luogo non l’avrei mai immaginato, questo è veramente terribile – disse andando verso la finestra-. […] Non solo dovevano sopportare il fumo e le nebbie d’una stagione, ma sembrava che ogni forma di vita fosse stata inghiottita da quella nebbia.”

Inizialmente Margaret si sente estranea di fronte a questo nuovo mondo che non conosce, ma è una donna indipendente, senza pregiudizio e presto riesce ad entrare in contatto con i due cuori di Milton: i “padroni” e la “classe operaia”. Conosce infatti, la sfortunata Bessy Higgins, una ragazza ammalatasi per il lavoro in una fabbrica di cotone, ed il padre di lei, Nicholas Higgins, impegnato nel movimento operaio; e “frequenta”  , un proprietario di fabbrica che diventa l’allievo preferito del Signor Hale. Trascorre così il suo soggiorno a Milton, assistendo Bessy con affetto, giocando al gioco delle opposizioni con il Signor Thornton, che la ragazza non riesce a capire e considera rozzo e grezzo. Ma una serie di dolorosi eventi e perdite, la porteranno a capire meglio la forza degli uomini del Nord ed a leggere l’animo dello spigoloso Signor Thornton.

La recensione

La trama. Questo libro viene pubblicato una quarantina di anni dopo “Orgoglio e Pregiudizio” di Jane Austen, e contemporaneamente ad alcune opere di Charles Dickens, George Eliot e le sorelle Brontë. C’è cioè un contesto storico e sociale dietro questo romanzo che inevitabilmente produce delle “somiglianze” con l’intreccio di altre opere ben più famose. Il complesso rapporto tra i due protagonisti, Margaret e John è forse l’esempio più evidente. Lei inizialmente non comprende la sua vera natura e lo rifiuta, lui non rinuncia al sentimento d’amore e cerca di dimostrare il proprio valore, anche se in cuor suo sa (o meglio crede) di non aver possibilità di riuscire. Il tutto è complicato dai segreti dei protagonisti, dal loro orgoglio, da fraintendimenti e convenzioni sociali. Ma “Nord e Sud” è molto di più: è un romanzo perfettamente figlio della sua epoca. C’è la descrizione  completa di un mondo che cerca un equilibrio, armonizzando le differenze. C’è il contrasto fra la dimensione pigra e lenta, quasi arretrata del sud, e l’energia, il progresso, l’aggressività e la “potenza” degli uomini del Nord.

«Le piaceva l’esultanza per la sensazione di potenza di questi uomini di Milton. Poteva manifestarsi in maniera un po’ aggressiva, ed avere il sapore della vanteria; ciononostante sembravano sfidare i vecchi confini della possibilità, in una sorta di ebbrezza provocata dal pensiero di ciò che già era stato conseguito, e di ciò che ancora doveva esserlo.»

C’è la descrizione dei ricchi salotti Londinesi, dove gli argomenti, gli atteggiamenti e le prospettive sono lontani dalla realtà di chi lavora per vivere e muore lavorando. C’è inoltre un’attenzione sociale al dialogo difficile fra padroni ed operai. Lo spettro degli scioperi e del fallimento per i primi, della fame per i secondi è una presenza costante. Insomma, il romanzo non è una semplice storia d’amore, ma è la storia di un amore complicato dai pregiudizi, dalle scelte, dalle difficoltà che genera un mondo in fermento e pieno di contrasti e contraddizioni.

I personaggi. Ciascuno dei personaggi è un occhio aperto su una dimensione. E tutti, principali o secondari, raccontano il loro mondo in modo emozionante ed incredibile. Margaret è una donna indipendente, orgogliosa che sembra altera ed altezzosa, ma che cerca solo la forza per sostenere i continui cambiamenti che accadono nella sua vita. Thornton è un uomo tenace, ostinato, granitico, perché indurito dalle vicende della vita. Lotta con ogni forza per l’industria tessile cotoniera che gestisce insieme alla madre, un impero economico che ha costruito con la sua sola fatica, una volta ridotto in miseria dalle speculazioni del padre e rimasto orfano. Higgins è un uomo onesto, pieno di dignità, che cerca di far sentire la sua voce per avere il diritto alla vita serena che non ha potuto dare alla povera Bessy.

Linguaggio. La scrittura vi piacerà se normalmente apprezzate lo stile di scrittura dell’epoca vittoriana e dell’Ottocento Inglese. Rispetto ad altri autori dell’epoca, in “Nord e Sud” ci sono più scene descrittive e digressioni narrative, tutte necessarie ad approfondire l’aspetto sociale e gli eventi storici che fanno da sfondo alla vicenda. I dialoghi riescono perfettamente a riflettere le diverse personalità dei personaggi. Non sono rapidi ed incisivi, ma proprio per questo funzionano nel contesto della storia, che vuole fornire diversi spunti di riflessione: riescono a far entrare il lettore nella vicenda.

Perché leggere questo libro…

Se amate le storie, ed in particolare le storie d’amore, che superano i confini imposti, che conciliano gli opposti, “Nord e Sud” è il romanzo per voi. Alcuni personaggi sono “potenti”, alcune vicende commoventi. C’è il racconto di ogni tipo di relazione e conflitto, ma senza cupo pessimismo. È uno spaccato di vita dell’Inghilterra dell’Ottocento costruito in modo delicato ed attento. Ed amerete questi personaggi, così semplicemente umani e veri, da essere in grado di guidarvi realmente attraverso le trasformazioni della rivoluzione industriale. E poi se siete dei romantici questo è libro per voi, perché…. l’amore trionfa…. Sempre! Anche sui composti e rigidi uomini di Milton 😉

Post by Sara P


Autore: Elizabeth Gaskell
Genere: Narrativa/classico
Copertina flessibile:476 pag
Editore: Jo March
Lettore: Per gli amanti della letteratura inglese dell’Ottocento

FORMATO CARTACEO

FORMATO EBOOK

CREATRICE E AUTRICE

Sara Petrolini

sara
Mi chiamo Sara Petrolini. Sono un’archeologa laureata all’Università La Sapienza di Roma e un'autrice esperta di content management. Scrivo testi per diversi blog, di storia e archeologia per “Mondo Romano” e di libri e letture per “Latte e Biscotti”. Ho scritto brevi racconti ed ho pubblicato due romanzi: “L’uomo nella foto” ( Dialoghi 2020) e “La verità è figlia del tempo"( Porto Seguro Editore 2021)

I MIEI LIBRI

L'uomo nella foto

La verità è figlia del tempo

Vuoi una recensione da Latte&Biscotti?

Se sei un autore o una casa editrice, qui puoi trovare tutte le informazioni per richiedere una recensione della tua opera

Facebook Pagelike Widget