“Nel Grande Regno di Thulas” di P. M. Liotta

18 Lug 2022 | Narrativa

Oggi vi parlo di un romanzo molto piacevole e dolcissimo con delle protagoniste insolite: “Nel Grande Regno di Thulas. Storia di Natura, di macachi e di amicizia” di Paola Maria Liotta.

Ma consideriamo il libro più nel dettaglio…

La trama

Il libro racconta la storia di alcuni macachi che popolano il grande regno di Thulas.

Gli animali, guidati dalla loro Grande Madre Hera, vivono in una natura bella e rigogliosa, giocando, prendendosi cura gli uni  degli altri e crescendo grazie alle risorse (acqua e frutti) che la meravigliosa foresta garantisce loro.

Ma la piccola comunità si  trova di fronte a cambiamenti improvvisi e all’apparenza inspiegabili. Un giorno, risalendo il fiume e inoltrandosi fino alla Montagna Sacra, scoprono parte del loro mondo pericolosamente cambiato. Inizia allora per Elsa, la vivace e curiosa nipotina della saggia Hera, e per gli altri giovani del branco una grande avventura.

Devono risolvere un mistero, per poter salvare il regno di Thulas.

La mia opinione.

Comincio con il dire che questo libro mi è piaciuto molto: è una lettura veramente deliziosa e adatta a tutte le età. È un romanzo dolce e pieno di fantasia, che dipinge immagini della natura belle e suggestive.

E partiamo allora proprio dall’ambientazione. 

L’ambientazione. Elsa e la sua famiglia abitano -e proteggono- il folto parco di Thulas. La foresta lussureggiante e rigogliosa si estende intorno al lago, incastonata fra il fiume “ampio e silente” che scorre maestoso e le sue pittoresche cascate. Una natura da sogno in cui da sempre i macachi conducono la loro esistenza prospera e gioiosa. A fare da contraltare al fascino e alla tranquillità della foresta ancora incontaminata, c’è la Montagna Sacra, che brucia tragicamente. Le colonne di fumo nero che si alzano saturando l’aria, la cenere che galleggia sulla superficie dell’acqua, rendendola torbida e scura, impensieriscono gli intraprendenti abitanti del Regno di Thulas, e raccontano di un mondo straordinario ma incredibilmente fragile. Un tesoro da proteggere, ma purtroppo esposto alle minacce dei bracconieri e della deforestazione.

I personaggi. Elsa è un piccolo macaco femmina, una cucciola vispa e vivace. È una piccina  dalla bellezza delicata, ma sempre agitata, ansiosa di esplorare, curiosare e zampettare. È la più giovane di una famiglia antica e importante, quella di Hera, Ella, Emma. Gli animali della loro magnifica stirpe sono splendidi e regali con “il manto lucido e l’eleganza della coda, lunga e folta come una spazzola, e la testolina vivace e dal piglio distinto “

Emma, la mamma di Elsa, è dolce e affettuosa, amorevole e generosa. Non conosce rabbia e aggressività e nei confronti della sua cucciola è pacifica e mite.

Hera è un capo e una guardiana prudente e scrupolosa che veglia sui suoi cari e sulla foresta con grande attenzione. 

Ma non ci sono solo macachi: in questa bellissima storia d’amicizia e natura la specie non è un limite alla solidarietà e all’aiuto reciproco.  Via via appaiono sulla scena personaggi deliziosi e bizzarri: c’è l’elegante Arabella, un ibis dalle spalle bianche; un adorabile e coraggioso lombrico, Pahem; e poi farfalle, rinoceronti, elefanti….

Persino umani! La bella reporter Isabel e il silenzioso e mite Mino, fotografo di talento, entrambi in prima linea nella difesa degli animali, contro il bracconaggio e la deforestazione.

Lo stile. La scrittura dell’autrice è in grado di dare vita a una visione incantevole della natura. La delicatezza, la dolcezza del racconto, rendono questo libro un viaggio affascinante nella meraviglia e nella fragilità del mondo degli animali. Vi sembrerà di sentire la gioia, la libertà di questi animaletti curiosi, seguendoli nel fitto della foresta; e condividerete il loro dispiacere e la necessità di reagire di fronte allo spettacolo degli alberi abbattuti e bruciati dall’uomo.

Perché leggere questo libro 

Se siete amanti della natura, questo libro non può che piacervi.

È un romanzo che unisce a uno scenario unico e suggestivo, protagonisti irresistibili. 

Insomma, uno di quei libri positivi, non perché la realtà sia ingentilita e ovattata, ma perché positive sono le vibrazioni, i sentimenti che animano i protagonisti. 

Una storia d’amicizia luminosa che ci ricorda come sia una necessità proteggere la bellezza del nostro pianeta e come l’unione possa fare la differenza. 

Ringrazio la CE per la copia omaggio

Post by Sara P.

CREATRICE E AUTRICE

Sara Petrolini

sara
Mi chiamo Sara Petrolini. Sono un’archeologa laureata all’Università La Sapienza di Roma e un'autrice esperta di content management. Scrivo testi per diversi blog, di storia e archeologia per “Mondo Romano” e di libri e letture per “Latte e Biscotti”. Ho scritto brevi racconti ed ho pubblicato due romanzi: “L’uomo nella foto” ( Dialoghi 2020) e “La verità è figlia del tempo"( Porto Seguro Editore 2021)

I MIEI LIBRI

L'uomo nella foto

La verità è figlia del tempo

Vuoi una recensione da Latte&Biscotti?

Se sei un autore o una casa editrice, qui puoi trovare tutte le informazioni per richiedere una recensione della tua opera

Facebook Pagelike Widget