“Mansfield Park” di Jane Austen.

3 Mar 2021 | Uncategorized

Oggi dedichiamo un post a “Mansfield Park di Jane Austen, il romanzo pubblicato dall’autrice nel 1814, quando ormai si era trasferita a Chawton, nell’Hampshire.

LA TRAMA

Il romanzo “Mansfield Park” di Jane Austen racconta la storia di Fanny Price, una ragazzina di soli nove anni, che viene affidata alle cure degli zii , i Bertram, a causa delle difficoltà economiche in cui versa la sua famiglia. Fanny è la figlia di Miss Frances, una delle tre sorelle Ward, ma quella purtroppo più sfortunata,  che,  a causa di un’unione poco conveniente con un ufficiale di marina privo di mezzi, presto si trova a vivere in condizioni di grave disagio. Dopo un triste periodo, in cui fra le tre sorelle ormai sposate  i rapporti si interrompono,

“Fra le sorelle si produsse una completa rottura dovuta, come quasi sempre succede  dopo un matrimonio avventato all’irrigidirsi delle parti sulle rispettive posizioni”.

una lettera inviata da Miss Francis, ora Mrs Price, ristabilisce pace e affetto, apparente. Con l’interessamento di Mrs. Norris, si ottiene che la bambina, Fanny Price si trasferisca a Mansfield Park, per vivere con i ricchi parenti.

Ad attendere la piccola Fanny, però, non c’è il calore di una casa accogliente o di una famiglia prodiga di attenzioni, le zie non sono ben disposte nei suoi confronti: Lady Bertram è una  donna indolente, priva di giudizio e volontà,  e Mrs Norris, è una donna astiosa e spigolosa, sempre pronta a sottolineare l’inferiorità della condizione altrui.

Tre dei quattro giovani Bertram  -Tom, Julia e Maria-  trattano Fanny con indifferenza o sufficienza. Solo il cugino Edmund, le mostra da subito attenzioni delicate e tenero affetto. E mentre i due ragazzi crescono il legame diventa sempre più profondo, finché…

Finché due nuovi vicini arrivano a rompere la quiete di Mansfield Park : i fratelli Crawford. Lei,Mary, è bella e intrigante, lui, Henry, ha tutto l’aspetto di essere un esperto seduttore.

Mary riesce ad attirare a sè l’ingenuo Edmund, molto preso dalla bella vicina; e le giovani Bertram iniziano un gioco pericoloso di seduzione, con l’affascinante nuovo venuto.

“Mr. Crawford,  da parte sua, non intendeva correre alcun pericolo:valeva la pena di conquistare le signorine Bertram e le signorine Bertram erano più che disposte ad essere conquistate; così cominciò a far loro un po’ di corte…”

Fanny per la prima volta si sente privata delle attenzioni del caro cugino. E i Crawford, in modo sempre più invadente, si insinuano nella vita dei Bertram e della ragazza.

E Fanny? Resterà fedele ai suoi sentimenti? Riuscirà a riavere per sè l’adorato Edmund?

Perchè (ri)leggere questo libro…

Jane Austen ci regala un racconto ricco di sentimenti ed emozioni. Una storia narrata con un’ ironia pungente,  che dà vita a personaggi e atmosfere indimenticabili.

I personaggi. Nella storia ritroviamo tutti quegli elementi che rendono i protagonisti di Jane Austen straordinari. Ma in più, in “Mansfield Park”,  è irresistibile il contrasto fra alcuni personaggi,  odiosi e spregiudicati, ed altri, come la protagonista Fanny, positivi ma che subiscono i rovesci e i colpi del destino. 

E Fanny Price è indiscutibilmente il personaggio più interessante. La protagonista inizialmente sembra una figura  tranquilla, quasi remissiva, e sicuramente meno vivace delle altre eroine di Jane Austen. Ma nel corso della storia prende forza e carattere. Insomma, a guardarla con maggiore attenzione, si può vedere in lei una figura femminile sorprendente. Una giovane donna moderna ed emancipata, che rifiuta tenacemente di sposarsi per ragioni diverse dal vero amore.

Lo stile. in questo romanzo come in tutte le opere dell’autrice, emerge la straordinaria capacità di osservazione di Jane Austen. L’autrice narra ogni vicenda con grande padronanza di tutti i mezzi espressivi necessari a raccontare le emozioni ed i sentimenti dei protagonisti. I dialoghi, le descrizioni, regalano un’ immagine chiara delle situazioni e dei comportamenti. E poi c’è l’occhio acuto dell’autrice,  che a volte si rivela in una frase, in una parola. Un’ironia pungente ma sottile, che regala mille sfumature ai personaggi ritratti, ma non diventa mai una critica aspra e tagliente. Jane Austen esplora in modo lucido la società , i costumi, le relazioni, con una prosa piacevole che non è  mai sovraccarica o troppo introspettiva. Così, regalando una lettura immensamente piacevole, mai noiosa, mai pesante, con naturalezza guida il lettore verso l’immancabile lieto fine…

La frase

“Ti pensavo immune dall’ostinazione, dalla presunzione e da quell’indipendenza di spirito, che tanto prevale ai nostri giorni perfino nelle fanciulle […]. Ma ora tu mi hai dimostrato che sai essere caparbia,  che tu vuoi e sai decidere da te stessa,  senza alcuna considerazione o deferenza per quelli che sicuramente hanno diritto di guidarti.”

Post by Sara P.


Autore: Jane Austen
Genere: Narrativa
Copertina flessibile:448 pag
Editore: Crescere Edizioni
Lettore: Per gli amanti di Jane Austen e della letteratura inglese

FORMATO CARTACEO

CREATRICE E AUTRICE

Sara Petrolini

sara
Mi chiamo Sara Petrolini. Sono un’archeologa laureata all’Università La Sapienza di Roma e un'autrice esperta di content management. Scrivo testi per diversi blog, di storia e archeologia per “Mondo Romano” e di libri e letture per “Latte e Biscotti”. Ho scritto brevi racconti ed ho pubblicato due romanzi: “L’uomo nella foto” ( Dialoghi 2020) e “La verità è figlia del tempo"( Porto Seguro Editore 2021)

I MIEI LIBRI

L'uomo nella foto

La verità è figlia del tempo

Vuoi una recensione da Latte&Biscotti?

Se sei un autore o una casa editrice, qui puoi trovare tutte le informazioni per richiedere una recensione della tua opera

Facebook Pagelike Widget