“Breve storia dei trattori in Ucraina ” di M. Lewycka

15 Ott 2022 | Narrativa

Oggi parliamo di “Breve storia dei trattori in Ucraina ” di M. Lewycka  pubblicato da Astoria.

Il romanzo, genere narrativa contemporanea, regala un’esperienza di lettura meravigliosa.

Avete presente quei libri  che vi fanno ridere e piangere, cambiare mille volte idea su un personaggio?

Quei romanzi che con un sorriso ironico riescono a raccontare le mille sfumature della vita?

Ecco, “Breve storia dei trattori in Ucraina” è così, e mi ha semplicemente entusiasmata.

La trama

Tutto inizia quando un arzillo ottantaquattrenne comunica alla figlia prediletta, Nadia, che ha intenzione di risposarsi. Nicolaj – per le sue figlie Pappa – è vedovo da soli due anni, e il fatto che sia pronto a nuove nozze lascia non poco perplessa sua figlia. Ma c’è di più: la futura sposa ha soli trentasei anni, è senza un soldo, ha già un ex marito, un figlio a carico e un bisogno disperato di ottenere un passaporto britannico. 

Per fare meglio luce sulla questione- e prendere i provvedimenti necessari a scongiurare il matrimonio- Nadia contatta sua sorella, Vera.

È da tanto che le due non si parlano. Alla morte della loro mamma, hanno discusso per la spartizione di una piccola eredità.  Ma ora un nemico comune, insidioso e strizzato in mini abiti rosa shocking le ha di nuovo riunite.

La mia opinione. 

Comincio col dire che è difficile trovare un singolo aggettivo capace di riassumere la bellezza di questo romanzo. È una storia che riesce a essere allo stesso tempo triste e divertente, malinconica e spassosa, cinica e toccante. 

I personaggi. Buoni contro cattivi, ma solo all’apparenza. Raccontando questo romanzo una storia tutta incentrata sui legami e gli affetti familiari, è chiaro che la caratterizzazione dei personaggi giochi un ruolo fondamentale.  E l’autrice ci regala ritratti perfetti dei suoi personaggi. Sembra tutto molto chiaro da subito.  Nadia è la figlia più piccola, è intelligente, sensibile e progressista; Vera è la figlia taccagna, aggressiva, fumatrice incallita, dittatoriale, con un divorzio alle spalle.

Il povero Nicolaj,Pappa, padre delle due è un anziano indifeso che ha ceduto alle lusinghe di Valentina, un’approfittatrice in cerca di un passaporto. Ma le cose non sono come sembrano, non del tutto. Nadia è nata in Inghilterra, dopo la fuga dei suoi genitori dall’Ucraina. Non ha conosciuto le privazioni e gli orrori dei campi di correzione, o la fame. Sua sorella Vera, invece sì: Vera è la bambina della guerra, che si porta sulle spalle un passato doloroso. E Vera, Grande Sorella, tacendo delle cose ha sempre protetto Nadia, Moccio al Naso.

Pappa sembra un vecchietto vulnerabile, ma è stato un padre egoista, che non ha saputo mostrare amore per le figlie nel modo giusto. È assorbito dai suoi interessi e dalle sue necessità e telefona alle figlie per essere compatito e lamentarsi, ma senza la minima intenzione di ascoltare i loro consigli e cambiare le cose.

Valentina è un donnone aggressivo, volgare e disinibito, in cerca di un futuro migliore per se stessa e per suo figlio. Insomma, un’opportunista. Eppure questa donna, che è una minaccia per la famiglia, riunirà le due sorelle, Esperta-di-divorzi e Fustigatrice Xenofoba , rendendole socie nella lotta all’invasore sui tacchi a spillo. Ogni personaggio ha mille sfumature: lo odierete, lo amerete, vi farà provare a volte tenerezza a volte frustrazione. Ma sarà comunque sempre una scoperta fino all’ultima pagina.

L’ambientazione. I luoghi dei ricordi. Gli spazi descritti nel libro sono molto semplici da un punto di vista fisico, e sono pochi: la casa di Pappa in Inghilterra con il suo piccolo giardino. Ma sono luoghi che ricordano il passato dei personaggi, perciò si tingono di sentimenti forti e profondi. A casa di Pappa sono frequenti sono le incursioni delle figlie e si consuma l’idillio e poi i litigi quotidiani con Valentina. E poi c’è l’Ucraina, nei flash che vengono dal passato.  Scenario di guerra, sofferenza e desolazione.

Lo stile. La bellezza del tragicomico. Leggerezza è la parola chiave. Il racconto di rivalità, liti e macchinazioni, fa sorridere se non ridere. L’autrice mette una deliziosa ironia in quello scrive, gioca con i soprannomi, enfatizza le situazioni bizzarre fino a farle diventare comiche. La linea narrativa principale è quella del presente di Nadia, Vera, Pappa e Valentina. E frequenti sono flashback o excursus che riportano indietro nel tempo al periodo in cui la famiglia era ancora in Ucraina. Un passato difficile che l’autrice racconta con obiettività e una sorta di leggerezza. Rivivrete ogni singola emozione dei protagonisti, vi sentirete consapevoli , ma mai sopraffatti dalla drammaticità della storia.

Perché leggere questo libro. 

Perché non esiste nemmeno un buon motivo per non farlo…

Anzi troverete tutto in questo romanzo. È il racconto delle esperienze di persone comuni, dell’imperfezione della loro vita e dei loro legami. Di lacrime e risate, lotta e sopravvivenza, nostalgia e amore.

Post by Sara P.

Ringrazio la CE per la copia.

CREATRICE E AUTRICE

Sara Petrolini

sara
Mi chiamo Sara Petrolini. Sono un’archeologa laureata all’Università La Sapienza di Roma e un'autrice esperta di content management. Scrivo testi per diversi blog, di storia e archeologia per “Mondo Romano” e di libri e letture per “Latte e Biscotti”. Ho scritto brevi racconti ed ho pubblicato due romanzi: “L’uomo nella foto” ( Dialoghi 2020) e “La verità è figlia del tempo"( Porto Seguro Editore 2021)

I MIEI LIBRI

L'uomo nella foto

La verità è figlia del tempo

Vuoi una recensione da Latte&Biscotti?

Se sei un autore o una casa editrice, qui puoi trovare tutte le informazioni per richiedere una recensione della tua opera

Facebook Pagelike Widget