“All’ombra di nessuno” di Tahmima Anam – la protagonista

28 Feb 2022 | Libri e dintorni

Oggi, in occasione dell’inizio del blog tour dedicato a “All’ombra di nessuno” di Tahmima Anam edito da Garzanti, dedico un post a Asha Ray, la particolarissima protagonista del romanzo.

Ho sempre creduto che, al di là del genere letterario o dell’idea alla base di una storia, l’ingrediente principale per la buona riuscita della ricetta sia un protagonista memorabile.
E “All’ombra di nessuno” di Tahmima Anam ” è sicuramente una dimostrazione di come la mia premessa valga.

Asha è la protagonista che vorrei ritrovare in ogni libro, il personaggio che fa la differenza nello sviluppo della storia: spesso insicura, ma infine determinata; intelligentissima, ma con tocco trash che la rende irresistibile; passionale, ma razionale allo stesso tempo; ambiziosa nei limiti, eppure coraggiosa nel farsi strada, per guadagnarsi il suo posto al sole.

Insomma, una creatura letteraria piena di contraddizioni che la rendono accessibile, persino simpatica; una protagonista in crescita che lotta per affermarsi.

E poi irresistibilmente ironica…
Tuo padre è preoccupato – a mia madre piace infondergli vita con le sue opinioni.

Ma procediamo con ordine, e scopriamo insieme la storia di questa strepitosa protagonista.

Asha è la figlia di emigrati dal Bangladesh che si sono trasferiti prima nel Queens e poi a Merrick, Long Island.
Ha alle spalle un’adolescenza particolare, trascorsa con pochi amici, vestiti di seconda mano, un cestino del pranzo che ” prevedeva sempre riso e curry” e una cotta non ricambiata per il super sexy Cyrus.
Il suo unico rifugio sono le lezioni di matematica, che frequenta con ben due anni di anticipo rispetto ai coetanei e che la consolano dei suoi “pasti puzzolenti e la totale incapacità di attaccare bottone”.
Ed è proprio lo studio che le permette di sbocciare. Asha si appropria del suo cervello e lo indossa come un paio di bellissime scarpe da ginnastica che le consentono di correre da un corso all’altro e prendere in mano le redini del suo destino. Si laurea a pieni voti e questa sua tardiva fioritura la spinge verso un progetto coraggioso e singolare.
Inizia a pensare al Modulo empatia, un sistema capace di integrare intelligenza artificiale ed emotività.

“Forse dipendeva da tutte le storie di fantascienza apocalittiche che leggevo e che mi spinsero a escogitare un modo per vivere senza avere paura delle macchine “

Asha è, insomma, una giovane donna, una studiosa che sa vedere oltre, e che, consapevole di ciò, inizia a sviluppare l’ambizione di riuscire in qualcosa che cambi la sua vita.

Trasforma il peso della sua infanzia, le difficoltà e la fatica patite dai suoi genitori in sicurezza in se stessa grazie alla propria intelligenza.

Ma l’amore modifica i suoi progetti. Asha ritrova la sua cotta del college, Cyrus, che diventa suo marito e così la sua vita sentimentale e professionale subiscono una drastica svolta. L’algoritmo del modulo Empatia viene modificato per creare una nuova piattaforma, in collaborazione con Cyrus, che offra una sorta di microcomunità a chi ha bisogno di qualcosa in cui credere; per “dare a ogni scettico ciò che desidera, e cioè una sorta di rimpiazzo per Dio”
Asha sente che per la prima volta può tramutare le sue linee di codice in qualcosa di tangibile, è sicura di avere finalmente la sua occasione, e si butta a capofitto nel progetto. Approda così agli uffici della misteriosa e ricchissima Utopia, un’incubatrice di Startup avveniristiche. E nascono i primi dissapori: Cyrus è scettico, pensa che il progetto potrebbe cambiarli, allontanarli dai loro valori; lei crede che lui voglia sminuire il suo momento di gloria.
E diventa difficile per lei ricoprire tanti ruoli diversi: essere donna sul lavoro e negli equilibri di coppia. Per Asha, poi, sembra tutto ancora più complicato, perché lei e Cyrus, vengono da mondi diversi. Per la giovane donna diventare qualcuno è quasi una necessità: ha bisogno di dimostrare che i sacrifici e gli sforzi dei suoi genitori non sono stati vani.

Insomma se cercate una protagonista irriverente, un po’ nerd e cervellona, Asha vi piacerà: la accompagnerete in un percorso di crescita insolito che vi trasmetterà mille emozioni; la seguirete con non poco divertimento, mentre cerca di barcamenarsi nei rapporti con la sua chiassosa, ma generosa famiglia, e con colleghe eccentriche, ma solidali.

Ma soprattutto conoscerete un personaggio che vi dimostrerà come è difficile imbrigliare chi vive dei propri sogni; e quanto coraggio ci vuole per realizzarli, se ciò comporta dolorose rinunce.

Se siete curiosi non perdetevi le altre tappe del Blog Tour.

E ci ritroviamo presto su questi canali per la recensione completa

Ringrazio la CE per la copia in omaggio

Post by Sara P.

CREATRICE E AUTRICE

Sara Petrolini

sara
Mi chiamo Sara Petrolini. Sono un’archeologa laureata all’Università La Sapienza di Roma e un'autrice esperta di content management. Scrivo testi per diversi blog, di storia e archeologia per “Mondo Romano” e di libri e letture per “Latte e Biscotti”. Ho scritto brevi racconti ed ho pubblicato due romanzi: “L’uomo nella foto” ( Dialoghi 2020) e “La verità è figlia del tempo"( Porto Seguro Editore 2021)

I MIEI LIBRI

L'uomo nella foto

La verità è figlia del tempo

Vuoi una recensione da Latte&Biscotti?

Se sei un autore o una casa editrice, qui puoi trovare tutte le informazioni per richiedere una recensione della tua opera

Facebook Pagelike Widget