5 Motivi per leggere “Maria Branwell. La madre delle sorelle Brontë

13 Gen 2022 | Libri e dintorni

Oggi, in occasione del blog tour dedicato a “Maria Branwell. La madre delle sorelle Brontë” di Maddalena De Leo, edito da Vintage Editore, vi racconto qualcosa di questo splendido libro.

Il volume inaugura una nuova collana della casa editrice,  dedicata a figure femminili di grande fascino e importanza nella storia della letteratura.

Riparleremo presto,  in una recensione dedicata, degli aspetti più interessanti di questa lettura, ma intanto vi dico perché, a mio avviso, è assolutamente da non perdere.

Perciò seguitemi in questo post sulle Cinque ragioni per leggere “Maria Branwell.  La madre delle sorelle Brontë.”


  1. Innanzitutto tutto, bisogna dare all’autrice il merito di aver realizzato un esperimento letterario veramente notevole.

Maddalena De Leo ha, infatti, reinventato su basi vere e documentate la vita della mamma delle celebri sorelle Brontë. Questa mirabile ricostruzione prende ispirazione da un episodio vissuto da Charlotte nel 1850.

Nel febbraio di quell’anno, Charlotte ebbe modo di leggere alcune lettere scritte da sua madre a suo padre durante il loro fidanzamento. E l’autrice ha immaginato che Charlotte, meravigliata e affascinata dalla scoperta della straordinaria vitalità e vivacità della donna, ne abbia ricreato la personalità inventando un diario.

Ho trovato l’idea alla base di questo libro meravigliosa…

E altrettanto si può dire della forma e dello stile di questo testo, e vi introduco così a un secondo buon motivo per fare questa lettura. 

2) Ogni pagina di questo libro trasuda sincero trasporto.  Con una prosa fresca, vivace, deliziosamente leggera, l’autrice esprime il suo amore per la letteratura e il mondo delle Brontë. Lo fa attraverso la scrittura,  che nel libro unisce due donne, che la vita reale ha diviso. Lo fa attraverso il racconto dei luoghi. Una ricostruzione suggestiva,  evocativa di miti e superstizioni che si intrecciano alle notazioni storiche. 

E proprio a tale proposito, non posso fare altro che aggiungere che
3) se amate la letteratura inglese del 1800, troverete  questa lettura  piacevole e in un certo senso illuminante. Nel racconto, Charlotte impara a conoscere e comprendere il modo di pensare di sua madre, origine del suo. E mentre questo legame si ricostruisce nonostante il tempo e la separazione , scoprirete attraverso gli occhi di due donne il mondo femminile del 1800. La voglia di libertà,  l’amore per i libri, il desiderio di indipendenza e l’insicurezza della propria condizione. Insomma una storia bellissima tutta al femminile.

E poi
4) trovo sia sempre una grande opportunità rivivere gli incontri,  gli affetti e i luoghi dei grandi scrittori. Conoscendo la vita di Maria Branwell e leggendo questo libro, avrete una nuova prospettiva, per avvicinarvi agli scritti delle sorelle Brontë.  L’autrice ha visitato i luoghi della vita di Maria  e li ha raccontati ai lettori, rievocando per loro un mondo passato, ma pulsante e reale in ogni riga. 

Perché
5) Maria Branwell è un personaggio che vi rimarrà nel cuore,  una di quelle splendide apparizioni in una  Cornovaglia incantata.  Una figura gentile,  vivace, felice, che ha sentito un forte senso di appartenenza alla sua terra, che ha sofferto e amato intensamente.  Insomma,  Maddalena De Leo ha immaginato per i fortunati lettori “una protagonista” indimenticabile che amerete alla follia.

E allora non vi resta che intraprendere questo meraviglioso viaggio alla scoperta della vita di una giovane donna, delle sue speranze e aspettative,  tradite da un triste destino, ma rinate nelle pagine di questo splendido libro. 


La citazione

“Sono diventata una frequentatrice del Club dei Libri per Signore, praticamente una biblioteca aperta al pubblico femminile di Penzance ove si possono prendere dei libri in prestito per leggerli comodamente a casa. Quanto mi ha aiutata e mi aiuta questo passatempo! È così bello immergermi nella lettura dei romanzi e delle tragedie scritte dai nostri grandi Defoe e Shakespeare! Con questi libri mi si è aperto dinnanzi un paradiso […]”

E se siete curiosi di saperne di più…non perdetevi le altre tappe del Blog Tour e le recensioni finali

CREATRICE E AUTRICE

Sara Petrolini

sara
Mi chiamo Sara Petrolini. Sono un’archeologa laureata all’Università La Sapienza di Roma e un'autrice esperta di content management. Scrivo testi per diversi blog, di storia e archeologia per “Mondo Romano” e di libri e letture per “Latte e Biscotti”. Ho scritto brevi racconti ed ho pubblicato due romanzi: “L’uomo nella foto” ( Dialoghi 2020) e “La verità è figlia del tempo"( Porto Seguro Editore 2021)

I MIEI LIBRI

L'uomo nella foto

La verità è figlia del tempo

Vuoi una recensione da Latte&Biscotti?

Se sei un autore o una casa editrice, qui puoi trovare tutte le informazioni per richiedere una recensione della tua opera

Facebook Pagelike Widget